“Cambiare Rotta”, Porto Cesareo: «Alt Ecocentro comunale al Poggio»

0
534

Alla ricerca di un sito alternativo al nuovo ecocentro comunale di Porto Cesareo

Comunicato “Cambiare Rotta” Porto Cesareo:

PORTO CESAREO – L’assessore ai lavori pubblici di Porto Cesareo, nonché l’ex sindaco Salvatore Albano, ha finalmente ceduto al lungo pressing per ricercare un sito alternativo al nuovo ecocentro comunale previsto, al momento e ingiustamente, in località al Poggio, proprio a fianco al campo sportivo. La Giunta ha deliberato, infatti, per impegnare l’ufficio tecnico comunale di valutare, entro 10 giorni, un sito alternativo su un altro terreno comunale o su un terreno acquistabile dalla ditta del servizio rifiuti.
.
Noi di “Cambiare Rotta”, ma anche il comitato cittadino del Poggio, tanti sportivi ed altri, da anni reclamiamo contrarietà e l’impegno concreto proprio per trovare un’alternativa.
.
Proprio nel Consiglio comunale del 17 novembre scorso, siamo stati gli unici a votare contro alla programmazione di quest’opera pubblica addirittura inserita “testardamente” per il 2020 presso “Il Poggio”, su via De Pascalis (vedasi foto), e ricordiamo che ci fu l’astensione pesante, in merito alla questione, anche del neo capogruppo di maggioranza, Andrea Peluso. Convinta e determinata fu, invece, la posizione dell’assessore Albano.
.
Rileviamo, tuttavia, che sono pochissimi e quasi irrisori i soli 10 giorni affidati all’ufficio tecnico per relazionare su un sito alternativo rispetto a quella scelto sul Poggio, tanti gli aspetti da considerare; si tenga presente che è stato confermato un sito per ben 5 anni, scelto in solitaria e senza ben considerare la precaria viabilità e attinenza con il luogo ed ora solo 10 giorni per un’alternativa? Mah!
.
Attenderemo le novità di questi 10 giorni e ne chiederemo subito copia.
.
Intanto, ben fatto a quanti hanno partecipato a questo lungo e fruttuoso pressing per un momentaneo “alt” sulla costruzione del nuovo ecocentro comunale al Poggio, che ricordiamo è ben pagata, in 9 anni di di rate, dai cittadini contribuenti alla tassa rifiuti.
.
Speriamo che non sia una farsa, per poi riconfermare lo stesso sito.

 

Gruppo Cambiare Rotta

12 dicembre 2020

LEAVE A REPLY